Bruno Vespa

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Giallista
Fantascienza
Romanziere
Poeta
Saggio
Tutti
Top Autori
Top Libri
Novita'
Contattaci
Aggiungi ai favoriti
Biografia Bruno Vespa

Biografia Bruno Vespa

Bruno Paolo Vespa è un giornalista e conduttore televisivo italiano. Già direttore del TG1, ha ideato e conduce il programma televisivo Porta a Porta, trasmesso dai canali RAI a partire dal 1996.

È coniugato con il magistrato Augusta Iannini, capo del Dipartimento per gli Affari di Giustizia del Ministero della Giustizia.

Vespa esordì giovanissimo come collaboratore per la stampa locale abruzzese: a sedici anni era autore di articoli sportivi per la sede aquilana del quotidiano Il Tempo.
Nel 1962, a diciott'anni, divenne cronista radiofonico alla RAI e nel 1968 conseguì la laurea in giurisprudenza (con una tesi sul diritto di cronaca) e divenne conduttore del telegiornale RAI (in seguito TG1).
In questo periodo fu anche inviato del Telegiornale, Intervistò i principali personaggi della politica degli anni '70 e '80 (si ricorda in particolare un'intervista, del 1977, al cardinale Karol Wojtyła, futuro papa Giovanni Paolo II).
Nel 1977 fu conduttore, insieme ad Arrigo Petacco, della rubrica televisiva di attualità Tam Tam, nel 1978 del programma giornalistico con ospiti in studio Ping Pong una sorta di precursore di Porta a Porta.
Nel mese di giugno del 1984 fu il commentatore ufficiale dei funerali del segretario del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer, in diretta da Piazza di Porta San Giovanni a Roma e in collaborazione con il Tg1.
In diretta diede la notizia che Pietro Valpreda era il colpevole, anziché l'accusato, della strage di Piazza Fontana, di contro alla presunzione d'innocenza. Di ciò si è pentito pubblicamente. Allo stesso modo, nel 1980, sostenne per una giornata intera di diretta tv che la Stazione di Bologna era stata sventrata dall'esplosione delle cucine di un vicino ristorante, e solo in tarda serata ventilò, con estrema cautela, l'ipotesi della bomba.

Dal 1989 al 1992 fu direttore del TG1. In quel periodo fecero scalpore alcune sue dichiarazioni pubbliche in cui affermava di considerare il partito della Democrazia Cristiana il suo "editore di riferimento"; venne di conseguenza accusato di non considerare l'informazione un servizio pubblico, ma un'informazione subordinata agli interessi della partitocrazia.
Nel periodo della crisi Iraq-Onu (agosto 1990-gennaio 1991) fu uno dei pochi giornalisti autorizzati ad andare in Iraq per intervistare Saddam Hussein.

Dal 1996 conduce il programma di approfondimento culturale, politico e di attualità "Porta a Porta", considerato una delle principali sedi del dibattito politico italiano tanto da essere stato ironicamente definito la terza camera del parlamento italiano.
Nel 2005 venne resa pubblica una notizia provocazione, secondo cui, sostenendo una somiglianza di viso, Bruno Vespa sarebbe figlio naturale di Benito Mussolini, dato che sua madre avrebbe lavorato nello stesso albergo di Campo Imperatore in cui fu custodito il duce dopo il 25 luglio 1943. Dapprima sia Vespa sia Alessandra Mussolini scherzarono sulla notizia, quindi il giornalista diede una secca smentita.
Il 3 aprile 2006 è stato il moderatore del secondo confronto televisivo elettorale tra il leader del centrosinistra Romano Prodi e il Presidente del Consiglio uscente Silvio Berlusconi.
Il 6 aprile 2009 conduce uno speciale di Porta a Porta sul terremoto del 2009 che ha colpito l'Abruzzo: lo speciale viene aperto con un servizio dello stesso Vespa che racconta, dal suo punto di vista, i danni creati dal terremoto a L'Aquila, sua città natale.
In occasione del 15 settembre 2009 conduce uno speciale di Porta a Porta sulla consegna delle case ai terremotati dell'Abruzzo, suscitando le ire dell'opposizione di centro-sinistra, che accusano il giornalista di aver fatto "propaganda" nei confronti del governo Berlusconi.