Il Carrettiere Della Provvidenza

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Giallista
Fantascienza
Romanziere
Poeta
Saggio
Tutti
Top Autori
Top Libri
Novita'
Contattaci
Aggiungi ai favoriti

Il Carrettiere Della Provvidenza

Georges Simenon

Titolo originale: Le Charretier De
Anno: 1931
Dettagli: Altri titoli: Maigret Si Commuove - Il Cavallante Della Providence

Trama: Presso la chiusa di Dizy, vicino alla città di Épernay, in una piovosa notte qualche ora prima dell'alba, un cavallante, frugando nella paglia della stalla in cui ha dormito, rinviene il cadavere di una donna strangolata. Il suo aspetto curato ed il suo abbigliamento, più adatto ad una serata mondana in città, contrastano in modo stridente con il luogo del ritrovamento.
La sera successiva giunge alla chiusa un battello da diporto capitanato da sir Walter Lampson, un colonnello inglese in pensione, che identifica la donna strangolata come sua moglie, Mary Lampson.
In questo romanzo viene presentato al lettore il "metodo Maigret", che consiste paradossalmente nell'assenza di un metodo. Il commissario si abbandona alle sensazioni che gli vengono suggerite dall'ambiente e dalle persone che lo abitano.
Maigret viene inviato ad indagare sull’accaduto, venendo per la prima volta a contatto con il mondo dei canali e delle chiuse. Lampson vive abitualmente nello yacht insieme alla moglie, Willy Marco (uomo di fiducia del colonnello e amante della moglie), Gloria Negretti (amante del colonnello), Vladimir (il mozzo), passando le giornate in navigazione nei canali francesi, in un’atmosfera spensierata e dissoluta, spesso in uno stato di ubriachezza. Nemmeno la notizia della morte di Mary distoglie Lampson e dai suoi amici dal loro stile di vita e questo atteggiamento viene mal tollerato da Maigret.
Il commissario concentra le sue indagini sul Southern Cross, ma anche sulle altre chiatte presenti nella chiusa. Tra queste, la Providence ed il suo taciturno carrettiere, di nome Jean Liberge, attirano la sua attenzione. Tre giorni dopo ha luogo un secondo omicidio. Questa volta la vittima è Willy Marco, assassinato per strangolamento con modalità simile a quella usata per uccidere Mary. Alcuni indizi sembrano far sospettare Sir Lampson, che riesce a ottenere dal giudice istruttore il permesso di recarsi presso una sua casa di villeggiatura in Francia e rimanervi a disposizione dell’autorità giudiziaria. Lampson congeda Gloria Negretti e comincia a risalire il canale in fretta e furia. Maigret però non è convinto della colpevolezza di Lampson e cerca informazioni sul passato di Mary Lampson. Maigret si getta all’inseguimento risalendo il canale in bicicletta. In una chiusa intermedia scopre che la sera della morte di Willy Marco, la Providence vi ha fatto sosta e che una bicicletta è stata abusivamente utilizzata per percorrere parecchi chilometri. La sera – dopo una corsa di 68 km sotto la pioggia – Maigret raggiunge il Southern Cross e la Providence a Vitry-le-François. Decide di interrogare Liberge, che però tenta il suicidio riuscendo a ferirsi gravemente. La verità viene presto chiarita. Liberge ha nella spalla un tatuaggio che indica di essere un ex-condannato ai lavori forzati. Da alcune ricerche Maigret stabilisce che il vero nome di Liberge è in realtà Jean-Evariste Darchambeaux, medico a Tolosa e sposato con Celine Mornet. Darchambeaux, per soddisfare i desideri di lusso della moglie, aveva affrettato la morte di una vecchia e ricca zia di cui sarebbe stato erede: era stato però scoperto e condannato a 15 anni di bagno penale in Guinea. Celine Mornet aveva giurato di seguirlo in Guinea, ma alla fine era rimasta in Francia cercando di rifarsi un’altra vita. L’esperienza nel bagno penale, la delusione dell’abbandono della moglie avevano fatto chiudere in se stesso Darchambeaux, che tornato in Francia fa perdere le sue tracce, diventando il taciturno carrettiere Jean Liberge. La sua apparenza, rozza e trasandata, non fa sospettare minimamente di trovarsi davanti ad un medico e nel corso degli anni era riuscito a crearsi un suo universo di tranquillità con i cavalli e con l’affetto quasi materno della proprietaria della chiatta, Hortense Canelle. Questa sua serenità viene turbata quando, per caso, la Providence ed il Southern Cross rimangono attraccati uno accanto all’altro. Liberge-Darchambaux riconosce in Mary Lampson sua moglie Celine Mornet, la donna per la quale si è fatto inutilmente 15 anni di inferno in Guinea. Dopo esseresi fatto riconoscere, Celine Mornet passa con lui alcune notti, forse per tacitare i suoi sensi di colpa. Liberge però si era illuso di poter avere qualcosa di più e le aveva chiesto di rimanere a vivere con lui. Ma Mary non era disposta a rinunciare alla vita lussuosa e spensierata del Southern Cross per vivere con un semplice carrettiere. Scatta allora in Liberge l’impeto omicida. Liberge però resta ossessionato dal crimine compiuto e decide di tornare di nascosto in bicicletta a Dizy per cancellare le tracce e depistare le indagini. Sorpreso per caso da Willy Marco, commette il secondo omicidio. Scoperta la verità, Maigret archivia il caso, lasciando l’ormai moribondo Liberge sulla Providence, tra i suoi amati cavalli e le cure di Hortense Canelle.


Commenti


Nome
Commento